«

»

Mal di pancia dopo mangiato: cause e rimedi

Mal di pancia dopo mangiato: cause e rimedi

Se avverti mal di pancia dopo mangiato e hai già letto l’articolo problemi di digestione lenta: cosa fare senza trovare riscontri, allora il tuo problema potrebbe essere un po’ meno immediato da risolvere.

Lo stomaco pesante è un segnale che ci manda l’organismo che può avere molte cause e spesso le informazioni che si trovano in giro sono approssimative e non tengono conto di tutti i fattori. 

In questo articolo voglio darti una visione schematica delle cause del mal di pancia e darti una serie di rimedi immediati e facili da mettere in pratica.

 

Causa N°1 – Le intolleranze alimentari

Le prime cause da escludere sono le intolleranze alimentari: le uniche davvero riconosciute scientificamente sono quelle al lattosio e al glutine, ma in realtà i cibi che possono darti problemi sono molti di più.

Andiamo per ordine: l’intolleranza al lattosio non è un vero problema ed è risolvibile semplicemente scegliendo bevande alternative, come il latte di cocco, mandorla, nocciola, avena, riso (quest’ultimo spesso lo si trova in combinazione con altri alimenti). In realtà, si tratta di una sostituzione che consiglio a tutti, dato che i sostituti del latte vaccino sono molto più digeribili e nutrienti di quest’ultimo.

Mal di pancia dopo mangiato: cause e rimedi

Stesso discorso per l’intolleranza al glutine: grano saraceno, amaranto, riso (integrale, rosso, nero), quinoa ed avena (da poco considerata gluten-free) sono cereali migliori del solito frumento e sono caratterizzati da un più alto numero di antiossidanti.

Solitamente le intolleranze provocano fastidio e dolori soprattutto nella parte più bassa della pancia.

Ci sono poi altri cibi che per esperienza ti consiglio di “tenere d’occhio”, magari attraverso un diario alimentare, perché danno fastidi a parecchie persone. Infatti nei miei anni di pratica a tu per tu con i clienti ho visto davvero spesso persone risolvere i propri disturbi alla pancia con l’eliminazione di:

  • Uova;
  • Alcune verdure cotte (in particolare verze e cavolo in generale);
  • Frutta secca (in particolare mandorle e noci brasiliane);
  • Caffè.

Questi sono dei cibi assolutamente sani, ma che alcune persone proprio non riescono a digerire correttamente.
Ora che lo sai, potrai fare più attenzione!

Attenzione: non è vero, come pensa qualcuno confondendosi con le allergie, che i problemi di intolleranza si manifestano poco dopo l’assunzione dell’alimento colpevole. In certi possono volerci infatti anche due o tre giorni, quindi non incriminare l’ultimo cibo mangiato!

A questo punto potresti chiederti se è il caso di utilizzare uno dei tanti test per le intolleranze che vengono venduti.
Purtroppo, ad oggi la validità di questi test è veramente scarsa: l’unico metodo per scoprire quali cibi ti provocano mal di pancia è sperimentare quello che hai appena letto su te stesso/a.

Seguendo le indicazioni che ti ho dato sarai in grado di identificare gli alimenti che dovresti evitare in 7-10 giorni e senza spendere un centesimo.

 

Causa N° 2 – La disbiosi

Un’altra causa molto comune dei dolori addominali, che può andarsi ad aggiungere alla precedente, è il danneggiamento della microflora intestinale o disbiosi.

Questa è una situazione che si viene a creare quando  viene a mancare l’equilibrio della flora batterica che popola il nostro intestino, e che si concentra quasi totalmente nel colon.

Se la microflora non è in equilibrio, compaiono problemi digestivi, dolori e fitte all’addome, costipazione e indebolimento del sistema immunitario. Ancora oggi, a fine 2014 (momento in cui scrivo questo articolo), si parla troppo poco di come mantenere un intestino in salute e si parla troppo di integratori che secondo chi li vende dovrebbero ristabilire l’equilibrio.

In realtà è stato dimostrato che i probiotici in bustina sono molto meno efficaci di quanto si pensasse.

Ma tornando a noi: quali sono le cause del danneggiamento della flora intestinale? Eccole:

  • Abuso di farmaci, in particolare antibiotici, che uccidono i batteri buoni alimentando la flora patogena (oltre a creare altri problemi come lo scarso assorbimento di vitamine essenziali);
  • Lo scarso consumo di verdure crude e di frutta fresca a basso contenuto di fruttosio;
  • Lo stress in forma cronica (ovvero quando i livelli dell’ormone cortisolo sono alti per tutta la giornata).

Non è raro che chi soffre di mal di pancia, faccia molta fatica ad andare in bagno regolarmente.
Infatti le cause dei problemi digestivi e della costipazione sono strettamente legate, e lo sono anche le soluzioni.

Se vuoi conoscere un metodo sicuramente diverso da quelli che hai visto fin’ora per dire addio alla stitichezza e ristabilire completamente la salute del tuo intestino (guadagnando vitalità ed energia fisica e mentale), allora ho preparato una risorsa per te. Vai qui e leggi tutto ==> Addio Stitichezza

E’ tutto, sono certo che se metterai in pratica i suggerimenti di questo articolo avrai ottimi risultati in termini di energia fisica e mentale, e soprattutto potrai dire addio ai fastidiosissimi dolori alla pancia.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto o se vuoi farmi una domanda, lascia un commento qui sotto! Ti risponderò di persona.

 

Alessandro Gandini
Consulente di Naturopatia Scientifica

 

 
Mal di pancia dopo mangiato: cause e rimedi
Soffri di Stanchezza?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *